I settori più dinamici dell’e-commerce

Nel 2016 due sono i settori merceologici più importanti per lo sviluppo dell‘ecommerce  nel nostro paese : l’abbigliamento e il Food & grocery.

Secondo gli Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano, negli ultimi anni il tasso di crescita medio annuo dell ‘abbigliamento è stato il doppio rispetto a quello dell’e-commerce nel suo complesso sia dal lato della domanda che  da quello dell’offerta.

Dal lato della domanda, sappiamo, ormai, che sempre più italiani comprano capi di abbigliamento e accessori sul web.

fashion-world-responsive-magento-themeMa perché scelgono anche questo canale?

Perché possono risparmiare con le occasioni e le promozioni speciali; perché i siti on line permettono alla clientela di scegliere il prodotto tra le tante offerte presentate che difficilmente troverebbero in un punto vendita; perché i siti facilitano gli acquisti consigliando articoli simili.

Quali articoli scelgono  i consumatori?

I web shopper italiani scelgono capi di abbigliamento come camicie, vestiti, jeans e pantaloni che costituiscono il 55% degli acquisti e accessori quali scarpe, borse e pelletteria che incidono, invece , per il 45%.

Dove comprano gli italiani?

La quota degli acquisti di prodotti di largo consumo che  viene effettuata su i siti dei grandi fornitori italiani e internazionali e sui marketplace generalisti è del 46%; seguono gli acquisti luxury con  il 36% sui siti delle grandi Dot Com (aziende nate in Rete), dei produttori high fashion del Made in Italy e delle boutique multi-brand. La restante quota è rappresentata dagli articoli sportivi su siti specializzati, siti dei produttori e delle Dot com generaliste.

Dal lato dell offerta, sempre secondo l’Osservatorio e-commerce B2c, l’abbigliamento si conferma essere il primo settore merceologico per vendite on line con un incidenza del 17%.

ecommerceabbigliamneto

Come si comportano le aziende fornitrici?

I grandi fornitori e le start Up investono sempre più in tecnologie, logistica ( consegne e resi più rapidi e gratuiti) e in soluzioni di pagamento perché intendono offrire ai consumatori “un’esperienza piacevole ed unica”. Infatti alcuni siti propongono articoli adatti ad ogni esigenza grazie all’ampia gamma di opzioni, di materiali, di tessuti e di colori. Anche le vendite da siti italiani a clienti stranieri, cioè LExport, è aumentato del 30% e parliamo di abbigliamento e accessori di alta moda che superano i nostri confini per raggiungere soprattutto l’Europa,  gli Stati Uniti e  la Russia.

Da quest’ultima ricerca risulta, dunque,  che il fashion ha saputo comprendere pienamente l’evoluzione sia dei comportamenti di consumo che della tecnologia e coglierne al meglio le potenzialità.

L’intento è di “far diventare l’acquisto sul Web una consuetudine”.